Viaggiare e mangiare

Il viaggio non è completo se non si assapora anche la cucina locale: piatti, specialità , prodotti tipici .

Essendo noi Italiani, non è sempre facile, all’estero, il paragone con la nostra cucina, essendo considerata una delle migliori al mondo.

In viaggio con il gusto

Resta però il fatto che la conoscenza di una nuova località passa anche attraverso il gusto, perciò non ci si deve proprio sottrarre
Perciò il suggerimento è quello di provare.

Ovvio che se le formiche e le cavallette vi provocano nausea al solo pensiero, potete trovare delle alternative. Di solito i frutti e la verdura, oppure i dolci sono più “facilmente gustabili”.

E cosa ancora migliore è quella di optare per culture locali, biologiche.

L’agricoltura biologica

E dal momento che si sempre più spesso si parla di agricoltura biologica, cerchiamo in breve di vedere si tratta, ma soprattutto perchè anche all’estero è meglio optare per questa soluzione:

L’agricoltura biologica è un tipo di agricoltura che sfrutta la naturale fertilità del suolo favorendola con interventi limitati, vuole promuovere la biodiversità delle specie domestiche (sia vegetali, che animali), esclude l’utilizzo di prodotti di sintesi e degli organismi geneticamente modificati (OGM).

Studi hanno dimostrato che coltivare un terreno seguendo le regole fondamentali dell’agricoltura biologica porta ad avere un suolo sano e, con sè, la natura circostante. Inoltre si avranno dei benefici sulle colture stesse che cresceranno rigogliose tanto da soddisfare un fabbisogno di persone maggiore rispetto alla coltivazione di altra natura.

Questo non vuol però dire, nessun utilizzo di tecnologia: ci sono strumenti che facilitano l’impresa, come per esempio le livellatrici laser capaci di dare la giusta forma al terreno, oppure gli impianti di irrigazione professionali che sopperiscono alla mancanza d’acqua.

Tra le aziende che si occupano di macchinari per l’agricoltura troviamo Novakleader nella produzione di livellatrici laser e gps.

Fuori dall’Italia

Ma ritorniamo al nostro viaggio oltre i confini italiani.

Probabilmente non sapremo mai se i macchinari utilizzati sui terreni da cui derivano i cibi che abbiamo nel piatto di fronte a noi sono quelli di Novak, ma l’importante per noi sarà provare anche questa caratteristica del viaggio che passa anche attraverso il gusto.

Dal test drive alle garanzie su una nuova auto

L’auto si conferma uno dei mezzi di trasporto più utilizzati.
Basti pensare a quanti italiani la scelgono per andare al lavoro, ma anche in vacanza per il proprio viaggio.
Il problema che sorge però, è che l’auto dopo un certo numero di chilometri e/o di anni va cambiata. 

Giunti a questo punto, serve quindi capire quali passi seguire per l’acquisto di una nuova auto.

Test drive

Provarla è la parola chiava prima di portarsi a casa la macchina dei nostri sogni. Solo in questo modo potrete capire se è veramente ciò che state cercando.

Se l’auto è presso un concessionario, richiedete un test drive.

Il Test Drive o “prova di guida” è:

un’opzione che la concessionaria auto offre al potenziale compratore dell’auto. Si tratta di una prova su strada dell’auto.
Il Test Drive non è altro che una prova che viene molto spesso concessa dalla concessionaria d’auto a cui ci si rivolge per acquistare una macchina sia usata che nuova.
La prova avviene a bordo dell’auto che si intende acquistare o per cui si nutre un potenziale interesse.

Ma anche se l’auto fosse di un privato potete fare la stessa richiesta. Il proprietario vi accompagnerà lungo il tragitto.

Ricordate solo di controllare la validità dell’assicurazione in questo caso.

Messa su strada e Assicurazione

Lo step successivo è, oltre al fatto di portarvela a casa, di avere tutte le carte in regola per circolare. Quindi parliamo di messa su strada, passaggio di proprietà e assicurazione.

Garanzie dopo l’acquisto

E una volta a casa?
Dopo l’acquisto, per una maggiore sicurezza, potete pensare a delle  garanzie extra.

Che garanzie e a chi affidarsi?
Il nome che suggeriamo è  RPM Garantie che offre diversi servizi e forme di garanzia convenzionale sia su auto nuove che usate.

Altra cosa importante, si occupa della gestione della garanzia legale di conformità.

La garanzia legale di conformità è prevista dal Codice del Consumo (articoli 128 e ss. ) e tutela il consumatore in caso acquisto di prodotti difettosi, che funzionano male o non rispondono all’uso dichiarato dal venditore o al quale quel bene è generalmente destinato.

Vacanze? Sì, ma dove nel 2018?

Quali sono le mete preferite dagli italiani per quest’anno?
Sarà il mare o la montagna?
In Italia o all’estero?

Essendo ormai la stagione più che appropriata, andiamo a vedere quali sono le località che sono state maggiormente scelte .

eDreams: la ricerca Summer Trends 2018

La nota azienda eDreams si è impegnata nella ricerca “Summer Trends 2018” per stabilire quale fosse il trend per quest’anno e scoprire le mete più ambite.

Vacanze in Italia? Sì, grazie

L’Italia si conferma una delle mete più scelte, registrando un +13% sulle partenze nei mesi estivi.

E per di più, siamo proprio noi Italiani a scegliere il nostro paese a sfavore dell’estero.

La classifica

Sul podio in prima posizione troviamo la Sicilia, con Palermo e Catania

Colorata, multietnica, vivace… Non si può che rimanere affascinati dall’energia di Palermo e dalla sua cultura. Meta ideale per ogni periodo dell’anno, Palermo è perfetta anche per le vacanze estive grazie alla sua vicinanza alle spiagge mozzafiato di Mondello, Capaci, Cefalù, Altavilla e molte altre.

Scendendo troviamo New York, seguita a ruota da un’altra meta in Italia: Olbia.

Essere a New York… Chi non l’ha sognato almeno una volta? Il fascino esercitato sugli italiani da questa metropoli ha radici molto lontane. Se anche nella vostra lista dei desideri c’è passeggiare sulla Fifth Avenue, visitare la Statua della Libertà o attraversare il ponte di Brooklyn quest’estate potrebbe essere il momento perfetto per farlo succedere!

Si prosegue con Cagliari e poi si ritorna all’estero, in Spagna a Ibiza e Barcellona.
E per finire, la classifica ci porta a Londra, Lamezia Terme e Parigi .

Rispetto al 2017

Il 2018 non vede particolari differenze rispetto al 2017. Le mete sono pressoché le stesse. Ma una differenza c’è e riguarda, più che la meta di per sé, la durata della vacanza. Quest’anno si parla di 8-14 giorni rispetto alla media di 6 del 2017.