Italvalvole, valvole top di gamma

Nasce negli anni Settanta, più precisamente nel 1973, l’azienda Italvalvole divenuta leader nella produzione di valvole automatiche di processo nel corso degli anni.

Le valvole ed i loro impieghi

Una valvola può avere una serie di settori in cui venire utilizzata, per esempio in ambito tessile, alimentare, siderurgico, chimico, packaging e oil & gas.

Una valvola infatti serve per:

l’intercettazione o la regolazione del flusso di un materiale in grado di fluire in una tubazione al fine di garantire specifici valori di pressione o di portata.

Risulta quindi normale che i clienti Italvalvole giungano da diversi settori talvolta anche molto differenti tra di loro.

Il processo produttivo

Il processo produttivo di Italvalvole è decisamente schematico e controllato.

La progettazione avviene internamente alla ditta così come l’assemblaggio definitivo del prodotto.
Questo passaggio viene effettuato su appositi banchi e durante il processo vengono utilizzate inoltre tecnologie d’avanguardia come stampanti 3d.

Da apprezzare il fatto che, ogni anno, Italvalvole crea nuove valvole o revisiona prodotti a catalogo per garantire innovazione e grande qualità anche nel corso degli anni.

Test e certificazioni

Prima di uscire sul mercato, i prodotti vengono sottoposti a test restrittivi e solo in seguito possono ricevere le certificazioni di cui Italvalvole può vantarsi oggi.

Parliamo della certificazione AEO FULL e della certificazione ISO 9001.

L’obbiettivo aziendale

L’obbiettivo aziendale di Italvalvole è quello di porsi come leader del mercato in quanto al settore valvole. Ma non solo, il pensiero e l’impegno volgono lo sguardo verso l’obbiettivo di diventare

produttori e fornitori di primo livello di tutti i più grandi costruttori e impiantisti a livello mondiale

Un ulteriore obbiettivo è anche la soddisfazione del cliente, ed è per questo che Italvalvole offre anche un magazzino ben rifornito capace di soddisfare nell’immediato ordini urgenti.

Insomma la ditta biellese di certo ha intrapreso la giusta strada fino ad oggi e si prospetta di seguirla ancora a lungo negli anni a venire.

 

La moda tecnologica da indossare

La tecnologia indossabile è il futuro in fatto di tendenza di mercato.
Un fenomeno che coinvolge tutta l’Europa, ma soprattutto l’ Italia che si dimostra il Paese con l’incremento maggiore. 

Cos’è la moda indossabile?

Occhiali creati con astine-chiavette usb, borse che ricaricano i cellulari  ma soprattutto smartwatch i nuovi orologi intelligenti e super teconologici.

Lo Smartwatch

Cos’è uno smartwatch? La risposta nel web è immediata:

“E’ un orologio con funzionalità oltre il semplice cronometraggio. Mentre i primi modelli erano in grado di eseguire solo operazioni di base, come ad esempio calcoli, traduzioni, e giochi, gli orologi intelligenti più moderni sono dei veri e propri computer indossabili. Molti orologi intelligenti eseguono applicazioni, mentre un numero minore di modelli hanno un sistema operativo per dispositivi mobili e funzionano come lettori multimediali portatili, offrendo riproduzione di radio FM, audio, e file video attraverso un auricolare Bluetooth. Alcuni orologi intelligenti, sono chiamati orologio-telefono, perché, come un cellulare, hanno piena capacità di rete e possono effettuare o rispondere alle chiamate.”

Insomma parliamo di un orologio intelligente, capace di offrire molteplici funzionalità a portata di polso.
E, al giorno d’oggi, queste possibilità tecnologiche sono ormai un must

La moda

Anche la moda, ovviamente, segue quest’ondata di tendenza offrendo il binomio fashion&technology.
Si fanno quindi spazio nuove possibilità e nuovi campi da esplorare.

I famosi brand sono già all’opera in questa direzione, ispirati dalla vena creativa chic over geek.

Non solo moda

Questa nuova tecnologia non è , per, solo fine a se stessa o legata al campo della moda, bensì trova spazio anche nel campo della salute.

Proprio gli Smartwatch, tra le loro “mille”funzionalità posseggono spesso la capacità di contare i passi, misurare i battiti cardiaci e la pressione atmosferica. Tutti di grande importanza per gli sportivi o semplicemente per un utente attento alla questione health.

I dati parlano chiaro

Tra l’altro, sembra che questa non sia esclusivamente una moda passeggera, infatti i dati parlano chiaro:

  • L’Italia è dodicesima a livello mondiale in quanto a tecnologia indossabile e addirittura quinta a livello europeo. L’ipotesi è che nel 2022 arriverà persino al terzo posto.
  • Dal 2014 ad oggi si è riscontrata una crescita del 108% sulle vendite di tecnologie indossabili.

Aspettiamo perciò di verificare quanto ipotizzato negli anni a venire. Nel frattempo ci adeguiamo ai tempo indossando la tecnologia. 

La top 10 delle migliori spiagge

Le tanto agognate vacanze estive sono ormai vicine.
Generalmente è proprio nei mesi di Febbraio e Marzo che la maggior parte delle persone comincia a muoversi in cerca della meta e della vacanza ideale.

Come orientarsi?

Non è facile orientarsi in questa jungla di proposte, ma fortunatamente ci viene in soccorso TripAdvisor che ogni anno stila diverse classifiche per individuare la miglior spiagga, destinazione, compagnia aerea, luogo d’interesse, museo, hotel , casa vacanza, attrazione.

Le classifiche si basano direttamente sulle scelte dei viaggiatori che attraverso le loro recensioni e punteggi, poi elaborate da un algoritmo, stilano le liste top.

La classifica delle 10 migliori spiagge

E visto che, almeno a mio avviso, estate è sinonimo di mare , la meta estiva deve per forza prevedere questo elemento.
Altrimenti non sarebbe vacanza!

Giusto per sognare un po’ ad occhi aperti, vi presento la classifica delle 10 migliori spiagge al mondo stilata dai viaggiatori di TripAdvisor

1.Baia do Sancho
Fernando de Noronha, Brasile

Mentre percorri un piccolo sentiero per raggiungerla, non ti immagini di certo cosa ti aspetta. La vista paradisiaca sembra quasi un miraggio.

2.Grace Bay
Providenciales, Turks e Caicos

Acque incredibilmente chiare e pulite con centinaia di sfumature di blu e verde e spiagge dalle sabbie bianche come zucchero. Che meraviglia!

3.Eagle Beach
Palm/Eagle Beach, Aruba

La spiaggia privata più bella di Aruba. Tranquilla, immersa nella pace, straordinaria.

4.Playa Paraiso
Cayo Largo, Cuba

Perfetta in tutti i sensi: magnifica spiaggia e acque di un blu intenso mai visto.

5.Siesta Beach
Siesta Key, Florida

Spiaggia incontaminata che sembra non finire mai. Un autentico sogno per gli appassionati di fotografia. Un luogo al sole in cui è obbligatorio tornare.

6.La Concha Beach
Donostia-San Sebastián, Spagna

“Stupenda, sembra quasi eccessivo ma qui per la prima volta vedere di persona questo moto ondoso che pian pianino rivela questo arenile dorato è stato magnifico.”

7.Playa Norte
Isla Mujeres

Acque tranquille color turchese e sabbia fine e bianca. Il pallore del cielo esalta il blu profondo del mare.

8.Radhanagar Beach
Isola di Havelock, Andaman and Nicobar Islands

“Un vero paradiso: chilometri di spiaggia incontaminata con un mare cristallino e sembrerà strano trovare tale quiete e pulizia in India”

9.Spiaggia di Elafonissi
Elafonissi, Grecia

Il mare era calmo e bellissimo. I colori intensi: acque azzurre, sabbia rosa. Un vero paradiso.

10.Galapagos Beach at Tortuga Bay
Puerto Ayora, Ecuador

“Un bel sentiero da percorrere per poi raggiungere questa grande spiaggia, molto bella e soprattutto con la possibilità di incontrare diverse specie endemiche e particolari delle isole. Proseguendo oltre un piccolo sentiero c’è poi una piccola baia dove l’acqua e veramente limpida e soprattutto abbiamo avuto la fortuna di incontrare, tra le altre cose, un piccolo squalo martello. Un luogo da non perdere.”

Strano, direi, che nemmeno una delle nostre spiagge italiane venga menzionata. Sto parlando delle bellissime spiagge della Sardegna  e delle altrettanto spettacolari spiagge della Sicilia… insomma una classifica in parte incompleta.

Il cambiamento è viola

Voglia di cambiamento?
In fatto di colore, la regola è seguire Pantone, la nota azienda statunitense specializzata nella catalogazione dei colori.
Perciò quest’anno, il cambiamento sarà di colore Ultra Violet.

Cenni storici

Nasce nel 1963, grazie a Herbert Lawrence, un sistema di classificazione e corrispondenza dei colori.

Identificare un colore attraverso un codice corrispondente ad un nome che fosse univoco era allora la priorità per mettere ordine nel mondo della grafica.

Nel corso degli anni, Pantone ha poi ampliato il suo concetto di sistema di corrispondenza dei colori ad altre industrie, tra cui la tecnologia digitale, moda, casa, materie plastiche, architettura e arredamento d’interni e la vernice.

Pantone

Pantone rappresenta quindi l’innovativo sistema di categorizzazione ed allo stesso tempo impersonifica l’azienda statunitense che l’ha ideato.

Classificazione colori che trova impiego nella moda, nel design, nell’arredamento e ovviamente anche nel beauty.

The colour of the Year

Nasce nel 2000 l’usanza di scegliere un colore che rappresenti tutto l’anno.
Tale colore, ovviamente, viene scelto da Pantone.

Il metodo per l‘individuazione della nuance di tendenza si basa sull’analisi di vari fattori nel campo dello spettacolo, del cinema, della moda, dell’influenza degli artisti, delle mostre e dello sport.

And the winner is…

a18-3838, per gli amici Ultra Violet.

Una varietà di colore intensa e particolare, che trasmette creatività e fantasia, ma anche equilibrio e armonia.

Viola nel nostro cambiamento

Perciò, se davvero state cercando un cambiamento, seguite il mood e optate per questo viola intenso che farà parte non solo del vostro abbigliamento, ma anche del make up, del mobilio, dell’auto-motif.

I brand propongo idee in linea con questo pensiero, creando collezioni di tendenza tutte legate al viola ed alle sue sfumature più o meno intense.

… e se proprio non vi piace, in fondo devono trascorrere solo 365 giorni, poi sarà l’alba di un nuovo colore!